Matteo Grandi - Fotografia e urban exploration.

Fotografia con drone, riprese video e da drone.

Montaggio, effetti speciali ed editing grafico, video con action cam.

Time lapse video, foto e riprese a 360°

Consonno - la Las Vegas della Brianza

14 giugno 2018

Consonno - la Las Vegas della Brianza

In questo album urbex possiamo viaggiare nell'ormai abbandonato borgo di Consonno, conosciuto anche come la Las Vegas della Brianza. Ma come nasce e muore Consonno? Negli anni Sessanta, Mario Bagno, un imprenditore milanese decise di acquistare l'intero territorio di Consonno, borgo brianzolo sul Monte di Brianza. Tutto il borgo vecchio venne demolito per realizzare una città dei divertimenti, detta poi infatti "Las Vegas" della Brianza. Bagno unì reperti e testimonianze da tutto il mondo e da ogni momento della storia, che presero il posto dell'antico borgo. In pochi anni a Consonno sorsero dei ristoranti, una balera, un albergo di lusso, costruzioni, un castello, il "minareto", un campo di calcio, uno di pallacanestro, uno di tennis, uno di bocce, uno di golf, una pista per il pattinaggio, un luna park e un giardino zoologico. Consonno era ormai diventato un centro di divertimenti. Tutte queste opere intaccarono l'equilibrio idrogeologico del territorio e nel 1967 una prima frana invase la strada che portava a consonno. Una volta riparata si continuò nell'opera di edificazione. Nel 1976 una seconda frana distrusse però la stessa via decretando così la fine della "città dei balocchi". Nel 1981 Mario Bagno provò a rilanciare la località ma sia i turisti che gli abitanti non erano più così interessati. Le case vennero a poco a poco abbandonati e il 22 ottobre 1995 Mario Bagno morì. La casa di riposo che fece sistemare all'interno del vecchio Hotel, fu definitivamente chiusa nel giugno del 2007. Pochi giorni dopo tale chiusura il paese ricevette il colpo di grazia con un rave party che venne organizzato a Consonno dal 29 giugno al 1º luglio 2007 e che vide la partecipazione di oltre mille persone. Durante quelle tre convulse giornate parecchie strutture furono imbrattate da graffiti e ulteriormente danneggiate. Ad oggi l'intero complesso, nonostante varie proposte ed un tentativo di vendita risulta abbandonato, rimane solo la vecchia chiesa ancora in vita, ma nonostante ciò ho potuto vedere nelle mie due visite a consonno che non solo chi fa urbex è interessato a questo luogo, infatti, soprattuto nel nel weekend, molta gente viene a girare per Consonno, che sia per una passeggiata, curiosità o per vedere quella che un tempo fù la città dei balocchi.


Categoria: Urbex